Steve Jobs, domanda d’assunzione all’asta per 50.000 dollari

RR Auction metterà all’asta tre cimeli legati al carismatico fondatore dell’azienda di Cupertino. Si tratta di un manuale tecnico di MacOS X, di un articolo di giornale e di una domanda di assunzione datata 1973.

fonte tomshw

Tre cimeli legati a Steve Jobs saranno messi all’asta da RR Auction al prezzo di partenza, rispettivamente, di 15.000, 25.000 e 50.000 dollari. In particolare, si tratta di un articolo di giornale e un manuale tecnico di MacOS X, che riportano entrambi la firma autentica del compianto CEO Apple. Il terzo è invece una domanda di assunzione dello stesso fondatore dell’azienda di Cupertino, datata 1973.

 [amazon_link asins=’B01MCW7EOW,B075LYDD7Z,B071X9QRQW,B072VBFC6G,B00Y4NNYVQ,B071GR24KJ,B06XWVV3N1′ template=’ProductCarousel’ store=’nuvolainforma-21′ marketplace=’IT’ link_id=’365cb3c9-1990-11e8-ad6b-69484c4e2005′]

 

Ad incuriosire particolarmente è senza dubbio questo terzo cimelio. La data indica come questa domanda di assunzione sia stata compilata da Steve Jobs nel medesimo anno in cui ha abbandonato il Reed College, all’interno del quale ha seguito per 6 mesi un corso di calligrafia, che sembra aver giocato un ruolo fondamentale nella creazione del gusto estetico del fondatore Apple.

steve jobs signed application
Non è indicata l’azienda per la quale Steve Jobs stesse compilando questa domanda di assunzione. Nella voce “interessi” è possibile leggere Hewlett-Packard, società ammirata dall’ex CEO dell’azienda di Cupertino. Da sottolineare anche la risposta fornita in merito al’accesso ai mezzi di trasporto, ovvero “possibile, ma non probabile”.

 

steve jobs signed manual

 

Ci sono poi riferimenti alla capacità di utilizzo dei computer e dei calcolatori (non così scontata all’epoca), oltre a tutta una serie di dati come la data di nascita e l’indirizzo (Reed College appunto, che Steve Jobs continuava a frequentare pur avendolo abbandonato). Insomma, una sorta di curriculum per la candidatura a un posto di lavoro, un documento che farà certamente gola a tutti i collezionisti.

steve jobs signed newspaper

[amazon_link asins=’B01MCW7EOW,B075LYDD7Z,B071X9QRQW,B072VBFC6G,B00Y4NNYVQ,B071GR24KJ,B06XWVV3N1′ template=’ProductCarousel’ store=’nuvolainforma-21′ marketplace=’IT’ link_id=’365cb3c9-1990-11e8-ad6b-69484c4e2005′]

Per quanto riguarda invece gli altri due cimeli, l’articolo di giornale riguarda l’iPhone 3G e, oltre a essere firmato da Steve Jobs, riporta anche la firma di Tony Fadell, uno degli ideatori dell’iPod. Infine,  come detto in apertura, il manuale tecnico di MacOS X, che riporta solo l’autografo del compianto fondatore Apple. L’asta si terrà dall’8 al 15 marzo.

Articolo creato 138

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto