Pubblicità in cambio di giga di traffico. TIM trasforma lo smartphone in un incubo

fonte
TIM lancia GigaSpot, l’app che ti mostra pubblicità sullo smartphone quando il display è in uso e in cambio offre 1 GB di traffico dati. L’idea è tanto geniale quanto triste, soprattutto perché ci sono molti utenti che sopporteranno una pessima user experience pur di avere qualcosa gratis

[amazon_link asins=’B076CJFW9C,B079XF85SP,B06XWN7VCQ,B075LYDD7Z,B075RB145Y,B079X5M6ZH’ template=’ProductCarousel’ store=’nuvolainforma-21′ marketplace=’IT’ link_id=’ad3d640d-1f01-11e8-94cd-e157e0489929′]

Difficile trovare un termine per definire la nuova “invenzione” portata da TIM agli italiani nel campo della pubblicità creativa. Si chiama Gigaspot, ed è una applicazione per smartphone Android che una volta installata mostra pubblicità di ogni tipo sullo schermo acceso.

Le creatività sono di tre tipi, una pubblicità a tutto schermo quando si sblocca lo smartphone, un piccolo banner sul display quando lo smartphone è in uso e le push notification dalle app. L’utente può scegliere di minimizzare le pubblicità o di disattivarle, ma in questo caso non guadagnerà punti. Esatto, punti, perché la logica di Gigaspot è semplice: ogni ora di utilizzo dello smartphone con le pubblicità attive corrisponde a 100 punti e al raggiungimento dei 1000 punti l’utente riceve 1 GB di dati gratis da consumare in una settimana. Gigaspot funziona solo sui piani ricaricabili, e solo disinstallandola gli spot vengono rimossi.

L’idea, per quanto geniale, è abbastanza triste, soprattutto perché non è farina del sacco di TIM ma è un servizio offerto da ADCell, azienda di Lisbona con capitale sociale di soli € 5.000 fornito in via sperimentale a “TIM”.

[amazon_link asins=’B01EXXZ4FU,B011N0IZ2K,B01MUAHFP7,B01MY5MPBB,B06XGDDQFX,B06Y649W3L,B01AYVZ3ZG,B00YTWXUPW’ template=’ProductCarousel’ store=’nuvolainforma-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b94a905c-1f01-11e8-a859-81c0e5cc06e4′]

Una sorta di baratto con la bilancia che pesa dalla parte di TIM e AdCell: 10 ore di pubblicità veicolate sul display dei consumatori sicuramente valgono molto di più di 1 GB di traffico dati. Ma pochi lo capiranno, e si tufferanno a scaricarla pur di avere qualcosa di gratis. Inoltre, se guardiamo i termini di servizio, i dati degli utenti non verranno ceduti ad altri ma resteranno comunque di proprietà di AdCell, che è pur sempre una azienda che fa pubblicità, e saranno trasmessi solo a TIM per la gestione dei voucher.

Articolo creato 137

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto